Con “Wrong Creatures” i Black Rebel Motocycle Club pubblicano il loro ottavo album

Wrong Creatures

È sugli scaffali Wrong Creatures dei Black Rebel Motocycle Club. La band californiana ritorna con un nuovo album dopo una lunga pausa di 5 anni, tanto è il tempo passato dall’ultima compilation (Spector at the Feast). Eliminate le radici garage-rock, Peter Hayes e soci sono tornati in studio dando vita ad un’opera che possiamo definire la summa dei lavori precedenti, senza perdere per strada il loro taglio dark, marchio di fabbrica dei Black Rebel Motorcycle Club. Il sound delle 12 tracce è in equilibrio tra tradizione e innovazione. Si passa da King of Bones, molto dark, dal ritmo rallentato e dall’atmosfera crepuscolare, alla emozionante Echo, ballad che ricorda gli U2 degli anni ’90.

Si prosegue con Question of Faith: brano dal taglio psych-rock, con le chitarre in primo piano (sembra quasi che i Black Angels siano scesi dal cielo a dare supporto ai BRMC).
Calling Them All Away invece è un pezzo che, dopo una prima parte essenziale, esplode in un suono fragoroso nella coda finale, come se una colata di lava scendesse lentamente dalla cima di un vulcano. Ma la traccia  che ha convinto più delle altre è senza dubbio la notturna ed epica Haunt, forse tra le più belle canzoni mai composte dal gruppo americano.

In un periodo storico in cui si tende ad abbandonare il rock tradizionale, virando verso suoni elettronici, la band di San Francisco ci conferma il contrario, cioè che il vero rock non è ancora deceduto.
In conclusione i BRMC hanno pubblicato un disco onesto che, senza ripetere le ottime prove del passato, non possiamo non considerare la migliore produzione degli ultimi dieci anni della loro interessante carriera.

Tags:

  • Vive a Reggio Calabria. Dopo anni passati fuori per lavoro, è ritornato nella sua città. Blogger, appassionato di fotografia, musica e cinema. Presidente dell'associazione culturale Fahrenheit 451. Vincitore del concorso fotografico “Calabria-back to the beauty” (Calabria Contatto). Ama la letteratura, con una predilezione per gli scrittori di fine Ottocento e Novecento. Si pone come obiettivo quello di condividere la valorizzazione del territorio e del mondo visto con gli occhi della gente del Sud.

  • Mostra commenti

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

commento

  • Nome

  • E-mail:

  • Sito web

Per la tua pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Tomie

Tomie di Junji Ito: manga horror al femminile

Tomie, manga horror di Itō Junji, è stato originariamente pubblicato in Giappone sulla rivista ...

Il sax di Seamus Blake incanta il pubblico del PLAY Music Festival

Il sax tenore statunitense Seamus Blake e il più importante batterista italiano di razza ...