Suddiario dai confini del mondo

Dai confini del mondo

Suddiario cambia motto, come avrete forse notato dalla nuova scritta che campeggia sotto il logo (per il restyling ringraziamo ancora una volta la gentilezza di Fabio Itri).

Pur restando al servizio dell’ozio, ci situiamo geograficamente e umanamente dove siamo sempre stati. Per sgombrare il campo da ogni dubbio, diciamo a chiare lettere da dove veniamo e dove vogliamo restare: ai confini del mondo.

Dai confini del mondo: fuori dalla corrente principale

Non marginali nel senso di residuali, ma minoritari perché fuori dalla corrente principale: un rivolo di senso da cui attingere la freschezza delle piccole scoperte.

Restiamo ai margini perché ci interessano le vite “liminali”, quelle che si infrangono sulla battigia e lasciano impronte sul bagnasciuga. Ci interessano i castelli di sabbia cancellati dalle onde e il loro ricordo impresso nella memoria o su qualche vecchia pellicola.

Ai confini del mondo ovunque essi siano

Siamo ai confini del mondo ovunque essi siano: a Sud, a Oriente, in qualunque luogo si consumi il coraggioso tentativo di dire che l’umanità non è solo l’Occidente. 

Siamo quelli dalla bussola eccentrica che non segna sempre e comunque il Nord, ma svisa liberamente, follemente.

Racconteremo le storie di Resistenza

Suddiario sarà sempre più storie di città resistenti, di anime migranti, di territori dimenticati. Visiteremo l’invisibile, ciò che resta in ombra e ciò che ha bisogno di essere illuminato da una nuova luce, tra le pieghe di una cultura internazional-popolare.  

Saremo sempre più con voi che vi sentite a casa sulla soglia, incerti se spiccare il volo o sognarlo soltanto. Certi che, insieme, sarà comunque ancora bello.

Tags:

  • Nato a Reggio Calabria, si è formato nell’area dello Stretto, coronando la sua formazione con un Ph.D. in Metodologie della Filosofia presso l’Università di Messina. Pop-filosofo di osservanza deleuziana, si occupa di estetica, psicoanalisi e filosofia della cultura di massa, con diverse pubblicazioni al suo attivo. Fa parte del comitato editoriale della rivista internazionale Mutual Images.

    • Mostra commenti

    Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

    commento

    • Nome

    • E-mail:

    • Sito web

    Per la tua pubblicità

    Potrebbe interessarti anche

    tasse universitarie

    Tasse universitarie: la proposta di Grasso non è di sinistra

    L’università italiana non funziona, quella meridionale è fallimentare. Ovviamente, questo assunto piuttosto condiviso conosce ...

    frecciarossa

    Gogne mediatiche e “vite precarie”: la vulnerabilità dei marginali

    Qualche tempo fa abbiamo assistito all’ennesima gogna mediatica sulla pelle di una persona. L’oggetto ...

    teoria dei quattro discorsi

    La sinistra e il desiderio

    Il desiderio è politico. Deleuze lo aveva intravisto nella convergenza tra la sociologia di ...