Salvini e la teologia politica

Matteo Salvini

La Politica italiana, affrontando questa crisi di Governo innescata dal Ministro degli Interni e Vice premier Matteo Salvini, sembra dividersi tra mille tattiche e strategie di auto conservazione. 

Conviene votare per strappare qualche seggio alla corrente renziana? O è più giusto rimandare il voto in modo da avere tempo per lanciare un nuovo partito di Centro?

Bisogna votare per mandare finalmente in pensione la leadership di Luigi Di Maio? O è meglio allungare il brodo per conservare la Poltrona dei tanti miracolati dal Web “condizionato” dagli epigoni di Casaleggio?

È opportuno capitalizzare il consenso finora acquisito grazie ad una campagna elettorale permanente fatta di semplificazioni e messaggi alla pancia del Paese ? O serve sostenere ancora la parte dei figli del popolo traditi dalla Casta?

Per combattere l’uomo solo al comando va compreso il suo bacino di utenza

A fronte di queste domande tanto legittime quanto sconfortanti, ancora qualcuno, per fortuna, estrema minoranza tra gli elettori, invoca nei social e nei residui spazi di dibattito pubblico, decisioni e atti di responsabilità epocale.

Non tattiche ma l’impegno autentico e alla luce del sole per un sistema liberale e costituzionale messo a dura prova dall’esperienza del Governo Giallo/Verde. Indebolito, quindi, dai “risultati” dei demagoghi e dei sovranisti uniti. 

E per impegnarsi in una battaglia politica efficace contro l’uomo solo al comando, contro il Capitano obbligato dal destino a salvare quotidianamente la Piccola Patria dagli attacchi dei perfidi burocrati di Bruxelles, non si dovrebbe sviscerarne meglio le capacità di convincimento? Non si dovrebbe comprenderne a fondo il bacino di utenza? Studiare i movimenti spirituali di un elettorato frammentato che in lui si ritrova come Comunità e Gruppo omogeneo?

Alcuni analisti, ancora refrattari ad intendere le caratteristiche della Politica postmoderna, si limitano a fare di Salvini solo il Campione del ceto industriale del Nord, occupato a tutelare rendite, posizioni di monopolio e vantaggi fiscali, leciti o meno non importa.

I consensi di Salvini non derivano dalla borghesia ma dalle classi popolari

Ma LUI – a me pare – miete consensi non solo tra i “borghesi” – tra i quali comunque il PD tiene elettoralmente il passo – ma nelle campagne venete, tra gli operai torinesi, tra i disoccupati calabresi. La sua narrazione: la “sicurezza”, l’identitarismo, il “prima Noi” ha sfondato popolarmente e non solo a livello di élites.

La deriva autoritaria convince ben oltre il “borghesuccio medio” o il piccolo imprenditore meneghino.

La dialettica della lotta di classe non serve per comprendere il fenomeno Salvini, né serve per Trump o per Orban!

La sovrastruttura razzista, la “società chiusa”, il bisogno di un “capo” da seguire in ordine, la ricerca di un nemico/aggressore chiaro, non è determinata dalla struttura economica epocale e dalle classi dominanti. 

Qui è lo Spartaco delle periferie metropolitane a volere sulla forca gli zingari e i “neri” abbandonati in mare.

Salvini sfrutta la teologia politica dell’eccezione

Marx cede il passo a Schmitt nella comprensione di questa crisi complessa di tutto l’Occidente: è pura teologia politica dell’eccezione

Quella in cui la norma/normalità è deposta, le leggi sono concepite come limite da superare, e il “Sovrano” offre nuovi miti fondanti. 

Il Crocefisso “impugnato” come un’arma e la Madonna degli “speronamenti” non sono, quindi, orpelli e caricature, sono le fonti di un nuovo Diritto. Sono le espressioni feroci ed efficaci di un sentimento popolare che vuole farsi Nuovo Ordine, Nuova Chiesa, Nuovo Stato.

Tags:

  • Giurista e dottore di ricerca in Metodologie della Filosofia sta in equilibrio tra attività di vigilanza in materia di lavoro e la ricerca nell’ambito della teologia-politica. Di Reggio, vive a Villa San Giovanni dopo aver girovagato soddisfatto tra Parma e Venezia.

    • Mostra commenti

    Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

    commento

    • Nome

    • E-mail:

    • Sito web

    Per la tua pubblicità

    Potrebbe interessarti anche

    Manifestazione USB

    Mimmo Lucano, Abou Soumahoro e la lotta di classe

    Abou Soumahoro, responsabile sindacale USB, e Mimmo Lucano, sindaco di Riace, incarnano una visione politica chiara, ...

    Mimmo Lucano

    Ha ragione Lucano: siamo tutti ospiti

    Le parole di Mimmo Lucano, intervenuto di recente a Milano («Ogni essere umano è ...