Salvini e la teologia politica

Matteo Salvini

La Politica italiana, affrontando questa crisi di Governo innescata dal Ministro degli Interni e Vice premier Matteo Salvini, sembra dividersi tra mille tattiche e strategie di auto conservazione. 

Conviene votare per strappare qualche seggio alla corrente renziana? O è più giusto rimandare il voto in modo da avere tempo per lanciare un nuovo partito di Centro?

Bisogna votare per mandare finalmente in pensione la leadership di Luigi Di Maio? O è meglio allungare il brodo per conservare la Poltrona dei tanti miracolati dal Web “condizionato” dagli epigoni di Casaleggio?

È opportuno capitalizzare il consenso finora acquisito grazie ad una campagna elettorale permanente fatta di semplificazioni e messaggi alla pancia del Paese ? O serve sostenere ancora la parte dei figli del popolo traditi dalla Casta?

Per combattere l’uomo solo al comando va compreso il suo bacino di utenza

A fronte di queste domande tanto legittime quanto sconfortanti, ancora qualcuno, per fortuna, estrema minoranza tra gli elettori, invoca nei social e nei residui spazi di dibattito pubblico, decisioni e atti di responsabilità epocale.

Non tattiche ma l’impegno autentico e alla luce del sole per un sistema liberale e costituzionale messo a dura prova dall’esperienza del Governo Giallo/Verde. Indebolito, quindi, dai “risultati” dei demagoghi e dei sovranisti uniti. 

E per impegnarsi in una battaglia politica efficace contro l’uomo solo al comando, contro il Capitano obbligato dal destino a salvare quotidianamente la Piccola Patria dagli attacchi dei perfidi burocrati di Bruxelles, non si dovrebbe sviscerarne meglio le capacità di convincimento? Non si dovrebbe comprenderne a fondo il bacino di utenza? Studiare i movimenti spirituali di un elettorato frammentato che in lui si ritrova come Comunità e Gruppo omogeneo?

Alcuni analisti, ancora refrattari ad intendere le caratteristiche della Politica postmoderna, si limitano a fare di Salvini solo il Campione del ceto industriale del Nord, occupato a tutelare rendite, posizioni di monopolio e vantaggi fiscali, leciti o meno non importa.

I consensi di Salvini non derivano dalla borghesia ma dalle classi popolari

Ma LUI – a me pare – miete consensi non solo tra i “borghesi” – tra i quali comunque il PD tiene elettoralmente il passo – ma nelle campagne venete, tra gli operai torinesi, tra i disoccupati calabresi. La sua narrazione: la “sicurezza”, l’identitarismo, il “prima Noi” ha sfondato popolarmente e non solo a livello di élites.

La deriva autoritaria convince ben oltre il “borghesuccio medio” o il piccolo imprenditore meneghino.

La dialettica della lotta di classe non serve per comprendere il fenomeno Salvini, né serve per Trump o per Orban!

La sovrastruttura razzista, la “società chiusa”, il bisogno di un “capo” da seguire in ordine, la ricerca di un nemico/aggressore chiaro, non è determinata dalla struttura economica epocale e dalle classi dominanti. 

Qui è lo Spartaco delle periferie metropolitane a volere sulla forca gli zingari e i “neri” abbandonati in mare.

Salvini sfrutta la teologia politica dell’eccezione

Marx cede il passo a Schmitt nella comprensione di questa crisi complessa di tutto l’Occidente: è pura teologia politica dell’eccezione

Quella in cui la norma/normalità è deposta, le leggi sono concepite come limite da superare, e il “Sovrano” offre nuovi miti fondanti. 

Il Crocefisso “impugnato” come un’arma e la Madonna degli “speronamenti” non sono, quindi, orpelli e caricature, sono le fonti di un nuovo Diritto. Sono le espressioni feroci ed efficaci di un sentimento popolare che vuole farsi Nuovo Ordine, Nuova Chiesa, Nuovo Stato.

Tags:

  • Giurista e dottore di ricerca in Metodologie della Filosofia sta in equilibrio tra attività di vigilanza in materia di lavoro e la ricerca nell’ambito della teologia-politica. Di Reggio, vive a Villa San Giovanni dopo aver girovagato soddisfatto tra Parma e Venezia.

    • Mostra commenti

    Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

    commento

    • Nome

    • E-mail:

    • Sito web

    Per la tua pubblicità

    Potrebbe interessarti anche

    Alessia StelitanoPotere al Popolo

    Speciale Elezioni Politiche 2018: intervista ad Alessia Stelitano di Potere al Popolo

    In vista delle imminenti consultazioni elettorali, la redazione di Suddiario.it ha messo in cantiere ...

    La Resistenza ci ricorda quello che siamo

    La Resistenza ci ricorda quello che siamo

    La Resistenza, il 25 aprile, ogni anno richiama praticamente qualche polemica. Sembra non facile ...