Il ‘Dyskolos’ di Menandro in scena a Locri

Dyskolos

Domenica 11 agosto è andato in scena il Dyskolos di Menandro, brillantemente allestito ed interpretato grazie alla sapiente regia di Cinzia Maccagnino. La rappresentazione teatrale rientra nel contesto del Festival del Teatro classico di Locri Epizefiri “Tra mito e Storia” e si è tenuto nel teatro greco-romano di Portigliola, nel cuore dell’area archeologica della Locri antica.
La rappresentazione è stata eseguita proprio al tramonto, con l’obiettivo di ricreare così la suggestiva atmosfera di epoca classica, come già accade a Siracusa e Segesta.

Dyskolos: la storia

Dyskolos narra di Sostrato, ricco di buona famiglia, e di una ragazza di campagna, figlia di un contadino misantropo, Cnemone. La moglie vive invece con il figlio Gorgia, serio e laborioso. Sostrato, dopo varie peripezie e grazie all’aiuto di servi astuti, ma soprattutto di Gorgia, riuscirà a coronare il suo sogno d’amore. Sostrato, inoltre, riuscirà a cambiare l’atteggiamento del padre Callippide nei confronti di Gorgia, povero ma generoso. 

Il genere teatrale

Il teatro di Menandro rientra in quella che si definisce la commedia nuova. Esaurita infatti la critica politica, i temi si concentrano sui rapporti privati, i piccoli drammi quotidiani, la condizione umana. Si individuano in nuce anche i temi dell’humanitas, in particolare la filantropia ed il sentimento di amicizia. Anche nei personaggi menandrei già si intravedono i “tipi” della commedia latina di Plauto e Terenzio. Qui invece, nel mondo greco che sta gradualmente scivolando nella dominazione macedone, il ricco e il povero, il servo e il padrone sono sullo stesso piano e ognuno di loro ha pari dignità e libertà di pensiero. La scelta di utilizzare le maschere, nel rispetto della tradizione filologica propria del teatro di Menandro, è rinnovata e reinterpretata in chiave moderna da parte del maestro Santelli.

Tags:

  • Vive a Reggio Calabria. Dopo anni passati fuori per lavoro, è ritornato nella sua città. Blogger, appassionato di fotografia, musica e cinema. Presidente dell'associazione culturale Fahrenheit 451. Vincitore del concorso fotografico “Calabria-back to the beauty” (Calabria Contatto). Ama la letteratura, con una predilezione per gli scrittori di fine Ottocento e Novecento. Si pone come obiettivo quello di condividere la valorizzazione del territorio e del mondo visto con gli occhi della gente del Sud.

  • Mostra commenti

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

commento

  • Nome

  • E-mail:

  • Sito web

Per la tua pubblicità

Potrebbe interessarti anche

got1

Letizia Ciampa, la Daenerys italiana a Reggio Calabria

Cosa ci fa Letizia Ciampa al Castello Aragonese di Reggio Calabria? In questi giorni ...

reading

Reading, Musica, Poetry Contest al Castello Aragonese

Balenando in burrasca reading festival Nella prima e sorprendente edizione del “Balenando in burrasca ...

Play Music Festival

Play Music Festival: a day in Kind of Blue

Kind of Blue: l’omaggio di cinque giovani promesse del conservatorio di Reggio Calabria Un’esibizione ...