Death Song dei Black Angels votato miglior album rock del 2017

The Black Angels

I Black Angels dopo sette album alle spalle forse sono diventati uno dei gruppi più importanti della generazione attuale.
Death Song è una raccolta crepuscolare, ma con virate verso sonorità più gioiose, come nella bellissima ballata Half Believing. Gli antecedenti di un sound fatto di riff di chitarra e atmosfere lisergiche tipiche del rock psichedelico sono molteplici: dai Doors ai Velvet Underground, dai Black Rebel Motorcycle Club agli Spacemen 3.
Arrangiamenti davvero curati, a partire da Currency, brano introduttivo del disco, un incipit lugubre dal mood ipnotico. Canzoni che sono esplosioni di rabbia: «Currency, carry me / Everyone is held hostage / Currency, means nothing / Power that you spend us next / Do you want a stake in us? / How you have a stake in us / One day It’ll all be over / One day-ay It’ll all be gone».
Il viaggio dei Black Angels attraversa strade solitarie e deserti assolati.
Il sound sporco e sfrangiato del disco, invece, si ispira più agli Spacemen 3 che ai Black Rebel Motorcycle Club, espressione di uno psyck-rock rarefatto e costruito su uno spazio sonoro atomizzato. Da menzionare le acide melodie sixties di voce e synth, come in “Grab As Much (As You Can)” e “Medicine”. I conclusivi 6’30” della ballata psichedelica “Life Song” esprimono pienamente il grido di angoscia e vitalità trattenuto nel disco. Se non parliamo di capolavoro poco ci manca. Lunga vita agli “Angeli Neri”.

Voto: 8

Tags:

  • Vive a Reggio Calabria. Dopo anni passati fuori per lavoro, è ritornato nella sua città. Blogger, appassionato di fotografia, musica e cinema. Presidente dell'associazione culturale Fahrenheit 451. Vincitore del concorso fotografico “Calabria-back to the beauty” (Calabria Contatto). Ama la letteratura, con una predilezione per gli scrittori di fine Ottocento e Novecento. Si pone come obiettivo quello di condividere la valorizzazione del territorio e del mondo visto con gli occhi della gente del Sud.

  • Mostra commenti

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

commento

  • Nome

  • E-mail:

  • Sito web

Per la tua pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Ritornano le sonorità oscure dei Be Forest

La band di origini marchigiane pubblica un album che rappresenta un ritorno alle origini, ...

“The Disaster Artist”, l’insospettabile incanto della bruttezza

The Disaster Artist è un piccolo capolavoro. Un gioiello cinematografico che riesce a portare ...