“Blade Runner 2049“: Joi e la filosofia dello specchio

Blade Runner 2049

Quella di Deleuze è una filosofia dello specchio. Cosa significa, però, specchiarsi? A volte il riflesso restituito dalla superficie dello specchio ispira solo invidia, rabbia e furore narcisistico, poiché non ci si riconosce nell’immagine speculare: “Io è sempre un Altro”, insegna Rimbaud; io è qualcuno che non riuscirò mai a raggiungere, conferma Lacan. Ciò vuol dire che non si coincide mai con il proprio ideale: lo specchio delle brame ci ripete beffardamente che non siamo noi “i più belli del reame”.

La tentazione è allora quella di mandare in pezzi lo specchio. Nei casi più fortunati, nelle favole belle), lo specchio, invece, non finisce in frantumi – si prova piuttosto ad attraversarlo, come l’Alice di Carroll. La conseguenza del “passaggio attraverso” è la liberazione di un doppio incorporeo dalla pellicola superficiale dello specchio.

Un recente esempio cinematografico di doppio spettrale, o, se si preferisce, di fantasma virtuale, è la Joi di Blade Runner 2049, film del 2017 di Denis Villeneuve, sequel del capolavoro di fantascienza del 1982 diretto da Ridley Scott e tratto da un romanzo (Do Androids Dream of Electric Sheep?, 1968) di Philip K. Dick, romanziere che forse più di tutti ha esplorato il tema dei doppi simulacrali.

Joi è un’intelligenza artificiale programmata per essere l’amante ideale, cioè il rispecchiamento narcisistico idealizzato dell’io (l’Ideal-Ich freudiano). Quando Joi desidera unirsi carnalmente all’agente K, attualizza le sue infinite immagini virtuali incarnandosi nella prostituta (replicante) Mariette, ma la sincronizzazione tra le due è un effetto di superficie: Joi aderisce a Mariette come una sorta di seconda pelle, una guaina olografica – un effluvio incorporeo, appunto. Joi è il virtuale capace di esprimere infinite versioni, mentre Mariette è la sua attualizzazione, il corpo concatenato e macchinico in cui Joi si esprime.
Siamo nel secolo deleuziano, anno 2049.

 

Tags:

  • Nato a Reggio Calabria, si è formato nell’area dello Stretto, coronando la sua formazione con un Ph.D. in Metodologie della Filosofia presso l’Università di Messina. Pop-filosofo di osservanza deleuziana, si occupa di estetica, psicoanalisi e filosofia della cultura di massa, con diverse pubblicazioni al suo attivo. Fa parte del comitato editoriale della rivista internazionale Mutual Images.

    • Mostra commenti

    Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

    commento

    • Nome

    • E-mail:

    • Sito web

    Per la tua pubblicità