Il festival del cine español sbarca a Reggio Calabria, tra metacinema e storie di attualità

cinema español

Quattro giorni intensi di film e ospiti hanno caratterizzato il festival del cine español, svoltosi nella settimana dal 12 al 15 dicembre nella città reggina.
Oltre all’attrice e cantante Sivia Pérez Cruz, ospite  illustre, che ha presentato Cerca de tu casa, opera di Eduard Cortès e vincitrice del Premio Goya come miglior colonna sonora, si segnala un titolo che ha già riscosso molto consensi in Spagna. Stiamo parlando di La noche que mi madre mató a mi padre (La notte che mia madre ammazzò mio padre) di Inés París, titolo proiettato il 14 dicembre presso il Cine teatro D.L.F.
Il film narra la storia di Isabel, la quale si propone di organizzare una cena di lavoro che suo marito Ángel (scrittore) e l’ex moglie (attrice) di quest’ultimo hanno in programma con un attore argentino, attore che diventa oggetto del desiderio di tutti i presenti. L’intento è quello di convincerlo a recitare nel loro film giallo, scritto dallo stesso Ángel.
Ne viene fuori una black comedy dal tono surreale, e con chiari riferimenti al cinema di Almodòvar, che ha segnato la produzione cinematografica iberica degli ultimi 20 anni. Ne è un esempio l’utilizzo e la riflessione sul metacinema, che percorre tutta la narrazione fino ad arrivare alla scena finale del “film nel film”.
Sicuramente tra i due registri usati, la commedia e il giallo, quello che funziona meglio è senza dubbio la prima. Ciò non toglie la bravura nel saper adattare una storia non facile da sviluppare a causa della sua costruzione narrativa, una storia dentro una storia.
La messinscena si presta bene al rovesciamento di senso, delle allusioni e delle illusioni, creando una serie vorticosa di intrecci e di relazioni familiari, con colpi di scena senza soluzione di continuità, spostando continuamente i livelli di finzione e realtà, portando all’estremo la topica del doppio, tema centrale dell’opera della regista spagnola. Bella l’idea di mescolare all’interno della comedy altri generi come il whodunit delle detective stories (esplicita la citazione dedicata ai romanzi di Agatha Christie).
Pur essendo evidenti gli omaggi ai film del passato, come Festen e La cena dei cretini, il film di Parìs  riesce ad essere qualcosa di diverso dalle solite commedie, tanto da dare nuova linfa al panorama  cinematografico iberico.
Il festival si conclude con La mano invisibile, opera prima sul tema del reality, metafora della società di oggi. Il regista David Macián mette in scena con maestria una macabra satira sulla perdita dell’identità dei lavoratori, e sulla distruzione del concetto di collettività.

 

Tags:

  • Vive a Reggio Calabria. Dopo anni passati fuori per lavoro, è ritornato nella sua città. Blogger, appassionato di fotografia, musica e cinema. Presidente dell'associazione culturale Fahrenheit 451. Vincitore del concorso fotografico “Calabria-back to the beauty” (Calabria Contatto). Ama la letteratura, con una predilezione per gli scrittori di fine Ottocento e Novecento. Si pone come obiettivo quello di condividere la valorizzazione del territorio e del mondo visto con gli occhi della gente del Sud.

  • Mostra commenti

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

commento

  • Nome

  • E-mail:

  • Sito web

Per la tua pubblicità

Potrebbe interessarti anche

Blade Runner 2049

“Blade Runner 2049“: Joi e la filosofia dello specchio

Quella di Deleuze è una filosofia dello specchio. Cosa significa, però, specchiarsi? A volte ...

The Battleship Island

“The Battleship Island”: un epos temperato per il kolossal coreano

The Battleship Island (Gun-ham-do), kolossal sudcoreano ad alto budget per la regia di Ryoo ...

l'ora più buia

L’ora più buia: Churchill e l’Europa di fronte al baratro

Il 18 gennaio ha visto l’uscita nelle sale italiane de L’ora più buia, diretto dal ...