“Blade Runner 2049“: Joi e la filosofia dello specchio

Blade Runner 2049

Quella di Deleuze è una filosofia dello specchio. Cosa significa, però, specchiarsi? A volte il riflesso restituito dalla superficie dello specchio ispira solo invidia, rabbia e furore narcisistico, poiché non ci si riconosce nell’immagine speculare: “Io è sempre un Altro”, insegna Rimbaud; io è qualcuno che non riuscirò mai a raggiungere, conferma Lacan. Ciò vuol dire che non si coincide mai con il proprio ideale: lo specchio delle brame ci ripete beffardamente che non siamo noi “i più belli del reame”.

La tentazione è allora quella di mandare in pezzi lo specchio. Nei casi più fortunati, nelle favole belle), lo specchio, invece, non finisce in frantumi – si prova piuttosto ad attraversarlo, come l’Alice di Carroll. La conseguenza del “passaggio attraverso” è la liberazione di un doppio incorporeo dalla pellicola superficiale dello specchio.

Un recente esempio cinematografico di doppio spettrale, o, se si preferisce, di fantasma virtuale, è la Joi di Blade Runner 2049, film del 2017 di Denis Villeneuve, sequel del capolavoro di fantascienza del 1982 diretto da Ridley Scott e tratto da un romanzo (Do Androids Dream of Electric Sheep?, 1968) di Philip K. Dick, romanziere che forse più di tutti ha esplorato il tema dei doppi simulacrali.

Joi è un’intelligenza artificiale programmata per essere l’amante ideale, cioè il rispecchiamento narcisistico idealizzato dell’io (l’Ideal-Ich freudiano). Quando Joi desidera unirsi carnalmente all’agente K, attualizza le sue infinite immagini virtuali incarnandosi nella prostituta (replicante) Mariette, ma la sincronizzazione tra le due è un effetto di superficie: Joi aderisce a Mariette come una sorta di seconda pelle, una guaina olografica – un effluvio incorporeo, appunto. Joi è il virtuale capace di esprimere infinite versioni, mentre Mariette è la sua attualizzazione, il corpo concatenato e macchinico in cui Joi si esprime.
Siamo nel secolo deleuziano, anno 2049.

 

Tags:

  • Nato a Reggio Calabria, si è formato nell’area dello Stretto, coronando la sua formazione con un Ph.D. in Metodologie della Filosofia presso l’Università di Messina. Pop-filosofo di osservanza deleuziana, si occupa di estetica, psicoanalisi e filosofia della cultura di massa, con diverse pubblicazioni al suo attivo. Fa parte del comitato editoriale della rivista internazionale Mutual Images.

    • Mostra commenti

    Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

    commento

    • Nome

    • E-mail:

    • Sito web

    Per la tua pubblicità

    Potrebbe interessarti anche

    Il giovane Karl Marx

    “Il giovane Karl Marx“: tra libertà e giustizia sociale

    Il pensiero di Karl Marx è divenuto, specialmente negli anni Sessanta e Settanta, una ...

    tolleranza

    Tolleranza agli intolleranti? Tra Popper e Rawls

    Se c’è un concetto prettamente pratico, non teoretico, che ha avuto una grandissima fortuna ...

    Guerra per immagini, guerra delle immagini

    Vi presentiamo dei brevi estratti video con le testimonianze di alcuni degli autori del ...